Latest Album

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut rhoncus risus mauris, et commodo lectus hendrerit ac.

banner
RORY ROLLINS

Shop

CHRIS CAFFERY
Faces

7.90

CD NEW AND SEALED

Faces seems like the perfect album title for the Savatage/Trans-Siberian Orchestra guitarist’s first solo album. Feeling somewhat frustrated with only being able to contribute a few riffs or ideas to Savatage material, Chris Caffery comes out with guns blazing on this album as if he has something to prove. Emerging from the shadows of Savatage, he presents us here with as fine a hard rock/heavy metal album as I’ve heard this year. He shows the many “Faces” of his personality and personal views on life in general with a variety of styles of music ranging from hard rock to metal to a more aggressive modern, thrash style metal with attitude. I think it’s every bit as good as Jon Oliva’s new album and much better than the last Savatage album, Poets and Madmen. Recorded earlier this year, this album was frantically finished due to the upcoming late fall commitments for the annual Trans-Siberian Orchestra Christmas tour. Chris’ vocal contributions to Savatage have been nothing more than backup vocals but for this album, he took a series of singing lessons in order to do all the lead vocals. He does a fantastic job and with a slightly higher pitched voice but with the same sort of rasp, he comes across as a slightly demented version of Jon Oliva. The resemblance is uncanny at times and it’s quite obvious who he styled his vocals after. Other musicians helping out with the album are Paul Morris (keyboards), Dave Z (bass – Trans-Siberian Orchestra) and Jeff Plate (drums – Savatage/Trans-Siberian Orchestra).

Descrizione

Christopher Caffery (born September 9, 1967)  is an American musician, best known for his work as a member of Savatage and the Trans-Siberian Orchestra. Recently, Chris has been pursuing a solo career, releasing four albums since 2004.

Tracklist

CD one
  1. “Alas” – 1:33
  2. “Faces” – 4:36
  3. “Fade into the X” – 5:13
  4. “Pisses Me Off” – 5:24
  5. “Remember” – 4:42
  6. “Fall” – 4:03
  7. “Music Man” – 4:52
  8. “Life Crazy Life” – 4:31
  9. “Mold” – 5:03
  10. “Bag o’Bones” (Caffery, Steve Broderick) – 3:31
  11. “Evil Is as Evil Does” – 3:19
  12. “Never” – 6:43
  13. “So Far Today” – 4:48
  14. “Jealousy” – 6:05
  15. “Preludio” – 4:56
  16. “Abandoned” – 6:50
CD two – The Damn War
  1. “God Damn War” – 6:33
  2. “Fool, Fool!” – 2:56
  3. “Edge of Darkness” – 4:10
  4. “Saddamize” – 7:37
  5. “I” – 4:33
  6. “W.A.R.P.E.D.” – 3:34
  7. “Fright Knights” – 6:37
  8. “Amazing Grace” – 1:36
  9. “Piece Be with You” – 5:53
  10. “Beat Me, You’ll Never Beat Me” (Caffery, Jon Oliva) – 5:59
  11. “Curtains” – 3:13

Label : BLACK LOTUS

Format Double cd DIGIPAK

Band Website : www.chriscaffery.com

2 recensioni per CHRIS CAFFERY
Faces

  1. From: Metalreviews: With the overall feel of this album, you get the impression that Chris really wanted to “rock out” and do a very heavy and sometimes aggressive album; something not normally heard with Savatage material. Those who know Chris and have followed his career know his love for more aggressive and heavy music as seen with his collaboration with Jon Oliva for the Dr. Butcher album back in the mid 90’s. After a grandiose march-like intro with narration, the album quickly kicks into gear with the title track, Faces. With it’s speedy power metal style, it uses some great climbing riff patterns and is a kick-ass metal tune. The momentum continues with Fade Into The X, a riff heavy, up-tempo Judas Priest style track that has solid riff breaks, a modern heaviness and wild riff/drum flurries. Pisses Me Off is sure to become a fan favorite with it’s angry Anthrax style chunky rap-metal that serves as an angry rant about everything in life that “pisses him off”. With this track, he complains about everything from E-mail to terrorism to a $5 cup of coffee at Starbucks! A killer track that despite the anger has a sense of humor about it. Another stand out track Music Man, is to be the first single released from this album. It’s a lighter acoustic number with double-tracked voices to give it a 60’s folk-like feel. Spirited and uplifting, it has a great melodic sense and a great chorus. It’s a different but very effective sort of song that really touches the listener. Other stand-out tracks include Evil is As Evil Does; an up-tempo and chunky modern sounding track with a catchy chorus and more great riff breaks. Never has the big grandiose Savatage sound that mixes passion and heaviness very effectively and So Far Today uses a pounding heavy riff pattern that has a modern edge with a great chorus and verses that seem like passionate pleas. The Savatage sound appears frequently throughout most of this album as does influences from classic Queensryche with some of the riffs and atmosphere he creates with his music. Some of the more up-tempo thick riffs used bring classic 80’s metal to mind. With a total of 16 tracks and over 76 minutes of music, there’s very little filler on this album. What you get is a very diverse, heavy and very personal album that encompasses many styles. The production is very crisp and clear and the doubled-up guitar tracks add great thickness to the sound. The song arrangements themselves are clever and are done with the kind of professionalism that you’d expect from such a seasoned veteran. I love albums like this where an artist is allowed to pour his soul into every aspect of an album to give it such a personal touch; something not likely to happen within a typical band format. He has more than proven himself here as a great songwriter and a pretty great singer as well. In fact, his voice blows me away on a few tracks. I hope Savatage will take note of this and get him more involved in the songwriting process for their next album (whenever that will be). He’s an untapped resource who has the capability to be so much more than just a guitar player for the band.

    Chris is currently on tour with the Trans-Siberian Orchestra (east coast version) through until Christmas and there is talk of a solo tour with Jon Oliva’s Pain also on the bill sometime next year. Faces is available world-wide except for the U.S. and Canada. The release date for those areas is reported to be mid January sometime. You might want to pick this one up now from whatever mail-order source that has this as the current limited edition has a second bonus CD entitled God Damn War that has 40 minutes of extra music and sees Chris taking a very critical and hard-edged look at the atrocities of war. As far as Savatage, there’s been some reports from both Chris Caffery and Jon Oliva that they plan to get together in 2005 with the goal of releasing a new album later in the year or early 2006. The main problem is scheduling and actually getting all the members together to do it. With the pending delay for any new Savatage material, fans can feast on this album for a while. With it’s 16 tracks, there’s lots of mileage with an album like this. I’ve listened to it 4 or 5 times and each time, something new catches my ear and songs that didn’t have an impact at first, suddenly do. That alone is a sign of a great album. Watch my top releases of the year list for this one!!!

  2. From Truemetal: Noto soprattutto per essere il chitarrista dei Savatage Chris Caffery fa il suo esordio in veste solista con questo “Faces”, accompagnato da un bonus cd, intitolato “God Damn War”, che in pratica è un altro album intero.
    Inizio la disanima di questo enorme lavoro, circa 120 minuti di musica al prezzo di un cd singolo, che poi nessuno mi venga a dire che non è possibile abbassare i prezzi, partendo proprio da “Faces”, che viene introdotto da un intro, per l’appunto, intitolata “Alas” che lascia il posto alla title track, una canzone che già fa intuire il valore e il filo conduttore dell’intero lavoro, cioè una grande ispirazione artistica.
    La cosa che più stupisce è la voce di Chris Caffery, davvero versatile ed in grado di passare da toni aggressivi ad altri più melodici con una facilità estrema.
    Un altro punto che risulta vincente di questo lavoro è la grande varietà di atmosfere e stili musicali che presenta, infatti nel corso del disco si passa, senza che la dinamica del lavoro ne risenta, da pezzi pesanti e cattivi, come la bella “Fade into the X”, dotata di ottime aperture melodiche, che ricordano molto da vicino la band madre di Chris, la cattivissima “Pisses me Off”, in cui il chitarrista mette in mostra delle ottime doti canore nonché un songwriting di primissimo livello, il tutto abbinato ad una cattiveria musicale davvero incredibile, “Life, Crazy Life”, altro brano in cui il guitar player americano sfodera un talento davvero incredibile, presentando una composizione splendida accompagnata da arrangiamenti di prim’ordine, “The Mold”, canzone in pieno U.S. Power style, che mi ha ricordato in più di un occasione certe cose dei Metal Church, quelli d’annata però, i migliori, “Evil is as Evil does”, altro gran pezzo di Metal americano dotato di un grooove pazzesco, e con un interpretazione vocale davvero sopra le righe, “So Far Today”, forse il pezzo più cupo di questo disco, dotato però di melodie davvero avvincenti che lo rendono decisamente accattivante, “Jealousy”, che dopo una partenza molto delicata parte in quarta con l’ennesimo capolavoro di puro Metal made in U.S.A. sfoderato da questo disco, “Preludio”, l’unico brano in cui Caffery si concede una sorta di palcoscenico personale alla chitarra, senza però dimenticare la classe nemmeno in questo strumentale, e la conclusiva “Abandoned”, ennesima dimostrazione, se ancora ce ne fosse bisogno, della classe e del talento di questo chitarrista, troppo spesso e troppo ingiustamente sottovalutato, a pezzi molto più melodici.
    Ed è proprio l’aspetto più melodico e, in più di un occasione, più particolare della musica di Caffery quello che traspare da canzoni come “Remember”, forse il pezzo che più di tutti ricorda i Savatage dell’intero lavoro, ottimi arrangiamenti e grandi cori sono la base che supporta tutta la canzone, “Music Man”, una sorta di semi ballad davvero particolare ma altrettanto coinvolgente, il tutto sempre grazie alla fantasia compositiva del chitarrista, e “Bag ‘O Bones”, altra canzone decisamente particolare, in cui Chris si cimenta con la chitarra acustica senza però fare una ballad, un pezzo decisamente strano e particolare, ma che come al solito risulta davvero ben fatto e convincente.
    Gli unici due piccoli nei di questa prima, e principale, parte del lavoro sono “The Fall”, in cui i riff al limite del nu metal non mi hanno per niente convinto, anche se bisogna ammettere che se molti dei gruppi nu avessero la metà della classe e del talento di Caffery il livello qualitativo si alzerebbe sensibilmente, e “Never”, una ballad in pieno Sava-style che però mi è parsa troppo banale, soprattutto se raffrontata al resto della produzione.
    Quando si passa al fatidico bonus cd, “God Damn War”, 42 minuti di musica per la precisione, si nota subito la differenza rispetto a “Faces”, qui le melodie e le atmosfere si fanno più pesanti ed oscure, ma la qualità rimane pressoché immutata.
    L’iniziale title track è aperta da un arpeggio cupo e triste, con Chris sempre bravissimo ad interpretare vocalmente le varie fasi della canzone, quando infatti dall’arpeggio iniziale scaturisce il tellurico riff portante del pezzo Caffery riesce a rendere la sua voce dura come la roccia, quasi al limite del growl.
    Anche su questa seconda parte del disco le perle musicali offerte dal chitarrista abbondano, partendo dalla splendida “Edge of Darkness”, pezzo dotato di un notevole groove, con in più quel gusto melodico che pervade un po’ tutta l’opera, davvero una gran canzone, la stranissima “Saddamize”, canzone dal flavour orientaleggiante che di certo non sfigura in quanto a potenza, “I”, personalmente il pezzo che preferisco, in cui cattiveria, melodia cupe e pesanti, ed arrangiamenti pressoché perfetti si fondono a creare un vero e proprio capolavoro Heavy Metal, dando una palese dimostrazione dello spessore artistico incredibile di Chris Caffery, “Piece be with You”, mid tempo roccioso nobilitato dagli interventi solisti della chitarra di Chris, che pur senza mai strafare riesce sempre a trovare la soluzione ideale per ogni situazione, la possente “Beat me, You’ll Never Beat me”, con la chitarra che ancora una volta fa il bello e il cattivo tempo, grazie soprattutto a dei riff potenti e molto ben studiati, e la conclusiva “Curtains”, altro brano piuttosto particolare, giocato su atmosfere davvero malate, al limite dello psichedelico, grazie anche a linee vocali davvero stranissime, così come strano è il timbro vocale usato da Chris, ancora una volta riesce a stupire.
    Purtroppo anche in questo “God Damn War” ci sono un paio di canzoni che on mi hanno convinto appieno, cioè “Fool, Fool”, che nel riff portante mi ha ancora una volta ricordato certe soluzioni adottate in campo nu metal, che proprio non riesco a digerire, e che nel complesso mi è parsa comunque poco ispirata, e “Amazing Grace”, tipica ballad americana per piano e voce, in cui l’unica cosa apprezzabile e la voce di Caffery.
    I suoni sono un sicuro punto di forza del disco, potenti e puliti al punto giusto, in grado di donare la giusta atmosfera a tutte le canzoni, senza però mai risultare troppo freddi ed artificiali.
    Tecnicamente c’è poco da dire, tutto il gruppo gira che è una meraviglia, anche se avrete capito che per quanto mi riguarda la vera sorpresa, in positivo ovviamente, è stata la voce di Caffery, sempre molto calda ed espressiva, ed in grado di passare dall’aggressività pura alla melodia totale in un attimo.
    In conclusione posso solo affermare con buona sicurezza che con questo doppio disco Chris Caffery ha dimostrato a tutti il suo enorme talento, non solo come chitarrista, quello ormai non ha certo più bisogno di metterlo in mostra, ma come songwriter, ed è proprio in questa veste che ha prodotto questo enorme e bellissimo lavoro.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *