Latest Album

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut rhoncus risus mauris, et commodo lectus hendrerit ac.

banner
RORY ROLLINS

Shop

PLANTERS PUNCH
Il taglio con la carta

(1 recensione del cliente)

5.00

CD NEW AND SEALED

La band nasce nel 2007.  Nel 2008 il gruppo registra il primo inedito dal titolo “The way” sotto la produzione artistica di Gabriele Bellini. L’anno successivo la band torna in studio per la registrazione di una demo, composta da tre brani inediti in inglese. Successivamente la band ha intrapreso un delicato lavoro di rivisitazione dei propri pezzi, trasformando i testi dall’iniziale inglese all’italiano; questa scelta si è rivelata interessante non soltanto per gli ottimi risultati ottenuti, ma anche per la più aperta visione musicale che questa esperienza ha fornito al gruppo. Con il passaggio all’italiano la musica dei Planters Punch comincia a definire la sua forma; stili diversi e contaminazioni personali portano ad un alternative rock genuino e sicuramente accattivante. Nel 2011 arriva la partecipazione al workshop di Sonorità Emergenti (Pistoia Blues) nella sezione Canzone d’Autore, che vede la partecipazione di Paolo Benvegnù. Nel marzo del 2012 esce  “Il Taglio con la Carta” (New Idols/Self/Believe Digital), disco d’esordio della band. L’anno 2013 vede il ritorno in studio della band con la partecipazione al progetto Underworld Collection; esce così la compilation Invasion in cui la band dimostra la propria crescita con due pezzi di grande impatto.
Attualmente i Planters Punch stanno lavorando alle proprie canzoni per ottenere un repertorio originale sempre in crescita.

Descrizione

Alternative Rock Band from Pistoia.

 

Tracklist:

  1. EXIT
  2. SOLA
  3. STRANO MA VERO
  4. DI NUOVO QUI
  5. ARMONICI
  6. IL TAGLIO CON LA CARTA
  7. DRAMA
  8. GELIDO STATO
  9. FOGLIE GIALLE
  10. EMOZIONI INSTABILI
  11. NELLA PIOGGIA
  12. LA BUONA FEDE (GHOST TRACK)

Label : New Idols

Format: CD Jewel box

Band Facebook : https://www.facebook.com/planterspunchmusic/

1 recensione per PLANTERS PUNCH
Il taglio con la carta

  1. I Planters Punch sintetizzano i difetti di quella che attualmente viene considerata musica alternativa italiana per i giovani. Hanno le capacità tecniche e quelle compositive ma non le sfruttano, preferendo confezionare un prodotto che guarda palesemente a canali mediatici come MTV, X Factor e le radio più commerciali. Se andassimo ad analizzare uno per uno i dodici (undici più la ghost track La Buona Fede) brani di Il Taglio con la Carta, troveremmo un ventaglio di influenze musicali che costituiscono lo standard anche di molte altre bands uscite negli ultimi anni in Italia, tutte, guarda caso, con sonorità simili fra loro ed ai Planters Punch. C’è, innanzitutto, il rock americano dei Nickelback, con qualche spruzzata Green Day, giusto per il tocco punk commerciale, che piace ai ragazzini ribelli ma non scandalizza i genitori. Parliamo della opener Exit, della successiva Sola o Di Nuovo Qui. Avendo la band una cantante donna, potrebbero mai mancare gli Skunk Anansie più easy, e i Cranberries, oltre agli ultimi Red Hot Chilli Peppers? Naturalmente no. Tutti i grandi nomi citati hanno un merito ed una colpa: il merito è di essere partiti bene, con album portatori di uno stile personale, che ha fatto scuola; il difetto è di essersi venduti al mercato discografico con lavori commerciali, che sono diventati il modello da seguire per confezionare prodotti fintamente alternativi… da parrocchia. E non capita mai che uno di questi prodotti abbia almeno la personalità di chi viene copiato. Gelido Stato, con la sua roboante apertura metal tutta in tapping, fa intuire quali sarebbero le reali potenzialità della band ed ero arrivata a sperare che si evolvesse in quella direzione, anche se come unicum del cd, ma ha rallentato per assestarsi su una pallida scopiazzatura dei sopracitati Cranberries. La cantante ha una bella voce rock ma la usa in maniera banale e stereotipata, come la musica. I testi sono l’apoteosi di un fastidioso teenager style imposto da una certa cultura americana e che, ahimè, ha attecchito anche da noi. Se non erro, questo album di debutto propone una parte del repertorio già esistente dei Planters Punch, risuonato e tradotto in italiano, scelta anche questa che trovo discutibile, perché toglie quel pochino di internazionalità che la proposta poteva avere e la confina negli asfittici confini della musica commerciale italiana. Se i nostri volessero cambiare stile ed iniziare a fare sul serio, forse potrebbero anche lasciare un segno; così, invece, scivolano via, per confondersi con gli altri gruppi uguali a loro.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *