Latest Album

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut rhoncus risus mauris, et commodo lectus hendrerit ac.

banner
RORY ROLLINS

Shop

SINESTESIA
The day after flower

(2 recensioni dei clienti)

12.90

CD NEW AND SEALED

La percezione simultanea di due sensi è un fenomeno psichico denominato “sinestesìa”. Quando due sensi interagiscono tra loro, si creano sensazioni nuove: un colore diventa “caldo”, un suono “metallico”. Sinestesìa è il nome scelto da cinque musicisti, dell’area triestina per rappresentare la loro musica, un crossover tra melodicità compositiva ed esecuzione ricca di energia . Uno stile singolare, con due spiccati “sensi” musicali , l’hard rock e il progressive, dove la molteplicità espressiva dei singoli artisti permette al gruppo di spaziare ampiamente in uno ampio spettro di emozioni, coniugando la ricchezza del progressive ’70 con sonorità sperimentali di oggi. La line up di Sinestesia è composta da : Roberto De Micheli (chitarra), Alberto Bravin (tastiere), Paolo Marchesich (batteria), Alessandro Sala (basso) e Riccardo de Vito (voce). Dopo un serrato lavoro di composizione in studio, che ha prodotto il demo “Aquarium” nel 2003, sarà pubblicato a breve per “Immaginifica”, l’etichetta diretta da Franz Di Cioccio, il loro primo album dal titolo “Sinestesia” . Il disco contiene otto brani dalle strutture articolate che mettono in evidenza la capacità arrangiative della band , un vocalist di grande personalità e intensi momenti solistici . Sinestesia sono pronti ad affascinare il popolo degli “immaginatori” con la loro musica, potente come il rock e sognante come il progressive

Descrizione

Produced by Franz Di Cioccio of the historic PFM, Sinestesia come back on the international record market with a new album, second in career, which will surprise more than one listener and passionate progressive, is preferably oriented towards refined shores, is close to tones of purely hard (rock) and metallic matrix.

TRACKLIST:
1. Hero
2. Feast
3. The Birth, The Death, Trance By The River
4. Burning Times
5. Violet
6. Twilight
7. Memento
8. Feast (Instrumental)

Label: Aerostella

Format: CD Jewel Box

Band Website: Unknown

Band Facebook: Unknown

 

2 recensioni per SINESTESIA
The day after flower

  1. From Metal.it: Ci arriva da Trieste uno dei dischi più interessanti di questo primo scorcio di decennio: trattasi dei Sinestesia, prog metal band accasatasi presso l’etichetta Immaginifica, diretta nientemeno da Franz Di Cioccio (PFM) ed interessata al prog in tutte le sue forme.
    Ed è proprio di prog metal che parliamo con questo secondo capitolo della discografia dei Sinestesia. “The Day After Flower” è un superbo coacervo di suggestioni metal prog, nella sua forma più tecnica e raffinata. Spazianti da sonorità alla Dream Theater a sussurrate armonie più Genesis o PFM (per l’appunto), i Sinestesia si avvalgono della stupenda voce di Ricky, che come un pittore sa rendere una tela viva grazie a pennellate di voce davvero ammirevoli: un timbro che mi ricorda molto Khan dei Kamelot, seppur con un’estensione maggiore ed un’attitudine a cantare la nota sempre “netta”, senza glissati, preferendo piuttosto un sostanzioso vibrato, particolarità che me lo avvicina al modo di cantare dei giapponesi.
    Cotanta voce, però, è al servizio di una band dalle sterminate capacità compositive ed esecutive: ascoltare per credere lo strabiliante duetto iniziale “Hero”/”Feast”, in cui il prog metal dei Sinestesia prende vita e si veste di mille colori, facendo gridare al miracolo. Segue una lunga (e un pelo macchinosa) suite, “The Birth, the Death, Trance by the River”, che mette in mostra il lato più tecnico della band: quattro musicisti superbi, ispirati e coesi come non se ne sentiva da un po’. C’è spazio anche per momenti più morbidi, come la bella e accattivante “Violet”, imperiosi strumentali, come in “C.W.A. Prelude”, o per aperture aggressive e più prettamente metal, come in “Cold War Apocalypse”. Non manca neanche il brano in lingua madre (“Memento”), messo in chiusura come suggello finale ad un album emozionante, intricato ma mai stancante.

    Una delle più gradite sorprese del 2010, dunque. I miei personali complimenti ad una band che ha saputo confezionare un cd che è un piccolo capolavoro del genere. Consigliatissimo agli amanti del prog, ed a chiunque sappia apprezzare la bellezza della Musica.

  2. From Myglobalmind: How is it that every time you hear about a progressive rock or metal band that come from Italy you can be almost certain that they are going to be something special? Maybe they are just more creative over on that side of the pond, heck, they are responsible for some of the best food in the world, the best painters, so why not some of the best musicians too.

    SINESTESIA are a new discovery to me, and being that this is only their second album since forming in 2003, I’m happy to have caught these guys early into their career as I think they have something positive to contribute to the prog metal landscape and are a band worth keeping an eye on.

    The order of the day on THE DAY AFTER FLOWER is of course progressive metal, but is also akin to the lighter alternative of prog rock and really does walk the thin line between the two in places quite well.

    DREAM THEATRE comparisons are a bit of a given with any modern prog band, and SINESTESIA certainly retain some elements from them, including vocalist RICARDO DE VITO, who in certain places bears more than a passing resemblance to JAMES LABRIE. Meaning that the vocals are mostly excellent, except for a couple of slight instances where the Italian accent is a bit thick for my tastes, but otherwise a very excellent vocal album. Musically, THE DAY AFTER FLOWER is near faultless and features some great virtuoso patches that are really memorable and quite thrilling. This is another element of the album that I liked, the band can obviously play like maniacs, but they also know when to simplify, making each progressive moment special and welcome.

    My highlight track was the seven and a half minute BURNING TIMES (NEVER FORGET) which had a real DT feeling to it and has a great choir style backup vocal that really drags you in. FEAST was a very interesting track that actually stars out with what sounds like a FOO FIGHTERS riff, before eventually opening up into a stellar prog rock song that reminds me a bit of RUSH or MARILLION and has a real nice feel-good chorus that sticks in your head. I didn’t really get into MEMENTO that much as the lyrics are sung in Italian, and I am pretty one-dimensional in the fact that I only enjoy music with English vocals.

    THE DAY AFTER FLOWER is not a very original album, but what it offers is some great moments mixed into some very catchy songs that are a great example of the modern progressive metal/rock genre and should appeal to most fans of this type of music. Certainly worth a few spins.

    Written By ZeeZee

    Rating: 8/10

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *